Samantha de Grenet: “Quando mi guardo allo specchio sono felice: tutto quello che ho avuto me lo sono guadagnato” – L’intervista

di Redazione Commenta

Dopo tanti anni di assenza dal piccolo schermo, Samantha de Grenet è tornata alla conduzione di un programma televisivo: è la padrona di casa di Come mi Voglio, programma dedicato alla chirurgia estetica e al mondo della bellezza. L’appuntamento è per ogni sabato mattina, alle ore 11.15, su Canale Italia.

 Perché è il programma giusto per tornare alla conduzione?

Credo molto in progetto perché è un programma interessante: ci occupiamo della chirurgia estetica e della bellezza in generale. Affrontiamo questi argomenti in una maniera più profonda rispetto al solito: negli altri programmi l’argomento viene affrontato in maniera più rapida e superficiale per scarsità di tempo. Da noi c’è lo spazio di crare un talk interessante per tutti, sia uomini che donne. 

Qual è il punto di forza della trasmissione?

Il punto di forza è dato dal nostro sforzo di dare risposte esaurienti e pratiche a chi si vuole avvicinare al mondo della chirurgia. Stiamo portanto avanti una battaglia contro tutto quello che si trova su internet, dove spesso si trovano notizie inesatte: meglio spendere un po’ di più, ma essere certi del professionista al quale ci si rivolge.

Sei favorevole alla chirurgia?

Sono a favore della chirurgia nel momento in cui serve ad aiutarci a stare meglio con noi stessi. Amo la chirurgia quando è armonia di un viso e di un corpo. Non mi piacciono gli eccessi. Tutto deve essere molto naturale.

Al tuo fianco, nella conduzione del programma, c’è anche il professor. Roly Kornblit. Qual è il suo ruolo?

La trasmissione è suddivisa in due parti: c’è il mio salotto in cui si parla di bellezza e società con i personaggi del mondo dello spettacolo e c’è una parte più tecnica dove sono chiamati ad intervenire i chirurghi e i professionisti. Il professor Kornblit si occupa della parte più tecnica, cerca di dare delle risposte alle domande delle persone comuni.

L’ultima volta che ti abbiamo vista alla conduzione di un programma televisivo è stata nel 2003: perché è passato tutto questo tempo?

Nel 2005 sono diventata mamma e mi sono voluta occupare di lui a tempo pieno. Quando ero pronta per tornare in video, ho trovato un sistema televisivo molto cambiato: era il periodo in cui la tv era infestata dai personaggi usciti dal cappello magico dei reality show e molti di loro erano improvvisati.

Ti sei occupata a tempo pieno di tuo figlio, quindi…

Ho voluto seguire per bene mio figlio. Appena è nato mio figlio mi avevano proposto di fare teatro ed una trasmissione importante, ma non me la sono sentita. Ho rinunciato a due occasioni importanti, però il risultato è che mio figlio è un bambino felice e sano. Intanto sto combattendo con un cucciolo nuovo, voluto da mio figlio: un fratello peloso (un cagnolino, ndr)

Hai avuto qualche rimpianto?

Ho un dispiacere. La televisione è piena di grandi professionisti, in mezzo a loro ci sono tanti raccomandati: per fare spazio a loro, non si dà spazio a persone che hanno un curriculum di rispetto. Io non ho grosse mire, ho semplicemente voglia di fare il mio lavoro e di stare bene. Quando mi guardo allo specchio sono felice perché tutto quello che ho avuto me lo sono guadagnato. Però se dovessi tornare indietro accetterei delle cose che non ho mai voluto accettare…

Cioè?

Quando ero fidanzata con Leonardo Pieraccioni mi avevano proposto in mille modi di fare cinema. Ho sempre rifiutato per paura del giudizio della gente: non volevo passare per quella che faceva cinema perché aveva il fidanzato importante. Forse avrei dovuto fregarmene e avrei dovuto accettare.

Quest’anno sta avendo un grande successo il Festival di Sanremo. Ti piace?

Sanremo è un evento che io amo e non amo. Non mi piacciono le polemiche che ogni anno vengono construite intorno all’evento. Mi divertiva molto di più il FestivalBar: lì si potevano vedere i veri big della musica. A Sanremo ormai non si vedono più i veri Big.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>