Vertigo – Gli Abissi dell’Anima su Rai 3 con Giuseppe Rinaldi di Chi l’Ha Visto?

di Fabiana Commenta

Mercoledì 10 Agosto 2016 prende il via in prima serata su Rai 3, Vertigo – Gli Abissi dell’Anima, il nuovo programma in quattro puntate condotto dal giornalista di Chi l’ha visto? Giuseppe Rinaldi.

Insieme ad Annalisa Venditti, Rinaldi ci racconta il mondo contemporaneo attraverso le storie e le voci dei suoi protagonisti. Vertigo è un viaggio negli abissi dell’anima che descrive le ossessioni e le ambizioni dell’uomo contemporaneo. Si parlerà di rischi e di tentazioni di anime che hanno incontrato sulla loro strada un demone che prima li ha fatti perdere e poi ritrovare. Ma quali sono queste ossessioni? Si va dalla dipendenza sessuale, alla brama di potere e di denaro, dalla ricerca ossessiva della perfezione del corpo al rapporto malato con il cibo, dall’uso eccessivo delle nuove tecnologie alla dipendenza dalle droghe fino al gioco d’azzardo. Al centro di ogni puntata, tre storie portanti per contestualizzare il demone di turno. Stasera si parlerà dell’ossessione per il denaro. Spazio alla storia Matteo Cambi che racconterà la dipendenza dalla droga, il fallimento di un impero economico e la rinascita. La testimonianza della vedova di Luigino D’Angelo, il pensionato di Civitavecchia, morto suicida dopo aver perso i suoi soldi investiti in banca, rappresenta il dramma del denaro in tempi di crisi.

Spazio all’ossessione per il corpo attraverso la storia di Alessandra, personal trainer, che ha rinunciato ad avere figli per timore che il suo corpo cambiasse mentre, Claudia, body builder professionista spiega la sua scelta di raggiungere la perfezione. Spazio infine al tema della compulsione sessuale con approfondimenti da parte di esperti che cercheranno di spiegare le origini di un problema diffuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>