Profondo Nero torna con Carlo Lucarelli dal 15 novembre su Crime+Investigation

di Antonio Ruggiero Commenta

Cinque nuovi episodi sui casi di cronaca nera che hanno cambiato per sempre il nostro Paese da martedì 15 novembre 2016 alle 22:55 su Crime+Investigation

Su Crime+Investigation  (Sky 118) torna Carlo Lucarelli con 5 nuovi episodi di Profondo Nero, la serie che racconta i casi più eclatanti di cronaca nera che hanno segnato una svolta nella storia del nostro Paese: una sorta di prima volta dopo la quale non siamo stati più gli stessi.

In questa nuova stagione in onda dal 15 novembre alle 22.55 su Crime+Investigation lo scrittore emiliano ricostruisce il delitto di Cogne.

Ripercorre la vita di Pietro Maso, che nel 1991 massacra, con l’aiuto di tre amici, il padre e la madre.

Affronta il caso di Milena Sutter che scompare il 6 maggio a 13 anni e viene ritrovata senza vita qualche settimana dopo. Chi l’ha uccisa?

Lucarelli indaga inoltre sui misteri di Alleghe, una serie di delitti che ha sconvolto il paese delle Dolomiti, e sull’omicidio di Francesca Alinovi, uccisa nel 1983 nel suo appartamento di Bologna.

Gli episodi:

Francesca Alinovi – 15 novembre

Il 15 giugno 1983 il corpo di Francesca Alinovi viene trovato sul pavimento del suo piccolo appartamento a Bologna, è stata uccisa con 47 coltellate. Da subito viene ritenuto colpevole Francesco Ciancabilla, suo compagno più giovane di 12 anni, con il quale la Alinovi ha uno strano rapporto.

Pietro Maso – 22 novembre

Il 17 aprile 1991 Pietro Maso massacra, con l’aiuto di tre amici, il padre e la madre. Il delitto, che denuncia il vuoto di una generazione, sconvolse l’opinione pubblica per la violenza con cui infierì sui genitori.

Milena Sutter – 29 novembre

Milena Sutter, tredici anni, scompare e il suo corpo viene ritrovato nel mare meno di un mese dopo. Qualcuno l’ha strangolata e uccisa, prima di gettare in mare il suo corpo appesantito da una cintura da subacqueo. Chi è stato?

Il Delitto di Cogne – 6 dicembre

Il 30 gennaio 2002 a Cogne viene ucciso Samuele Lorenzi, di tre anni. Nel 2008 la Corte di Cassazione riconosce colpevole la madre Annamaria Franzoni. Il caso ha avuto una grande rilevanza mediatica dividendo l’opinione pubblica.

I Misteri di Alleghe – 13 dicembre

Una catena di delitti che, dal 1933 al secondo dopoguerra, si consumano nel tranquillo paesino ai piedi delle Dolomiti e che hanno inizio a causa di un peccato di gioventù da nascondere a tutti i costi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>