Fuori Luogo, 22 agosto su Rai 1: Etna e Sicilia

di Redazione Commenta

Nella puntata di Fuori Luogo di lunedì 22 agosto su Rai 1 alle 23.20, il geologo e divulgatore Mario Tozzi si reca sull’Etna, il vulcano attivo più alto d’Europa.


L’Etna è amato e allo stesso tempo temuto da tutti gli abitanti della zona, che sono orgogliosi della loro montagna di fuoco, ma anche inevitabilmente esposti a rischi.

Si deve continuare a vivere e costruire in un territorio bellissimo e unico al mondo come l’Etna è una sfida contro la natura o una scelta irrazionale?

La prima tappa del viaggio in Sicilia sarà Cefalù (PA), suggestiva località di mare gravemente colpita dagli incendi che hanno devastato le aree verdi della Sicilia all’inizio di questa estate.

Grazie a uno speciale strumento, un vetrino prospettico che consente di disegnare sulle linee del paesaggio, si cerca di capire come si sviluppano gli incendi e quali danni creano al futuro del territorio.

Chi sono i responsabili dei roghi dolosi? È la domanda che viene fatta al presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci che, dopo aver strappato alla mafia migliaia di ettari di terreno pubblico, pochi mesi fa è stato vittima di un attentato a colpi di arma da fuoco.

Proseguendo il viaggio verso l’Etna, si risalgono le pendici del vulcano per raggiungere lo scenario delle colate del 2002 – 2003, l’eruzione che gli studiosi chiamano perfetta per la gran quantità e varietà di fenomeni a cui ha dato luogo.

Raggiunta la città di Catania, si prova a capire meglio come funziona un vulcano grazie a esperimenti realizzati in piazza tra la gente.

Sempre grazie a un vetrino prospettico, si capirà anche come funziona la gigantesca camera magmatica dell’Etna e perché produce tipicamente eruzioni laterali.

A Catania, dunque, tutto sotto controllo? No, affatto, perché questa è la città in cui è avvenuto il più violento terremoto italiano, più forte ancora di quello del 1908 a Reggio Calabria e Messina.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>