Uomini & Donne torna su canale 5 con un nuovo format

di pask 1

il programma cambia look, proponendo un format di conoscenze online. Sarà la giusta ripartenza?

Anche il famoso programma di Mediaset condotto da Maria De Filippi si adatta alle esigenze sanitarie per il coronavirus, rifacendosi il look con uno studio apposito e tutte le precauzioni del caso, senza snaturare il principio fondamentale che guida il programma “l’amore”

Uomini & Donne è ormai da anni uno dei programmi di punta pomeridiani della rete ammiraglia mediaset. Hanno da sempre utilizzato il format degli incontri sia in studio che fuori per far conoscere due persone che essenzialmente cercano un compagno.

Questa ripartenza comunque sembra non aver colpito il pubblico, forse siamo alla svolta dove ci rendiamo tutti conto che non abbiamo più bisogno di questo programma? Difatti lo share non è mai stato così basso, nonostante i siparietti tra Gemma Galgani e Tina Cipollari non siano mancati. Tra l’altro il zero interesse che i fan hanno dimostrato nel far ritornare questo programma è stato alquanto palese.

In ogni caso seppur il risultato di share sia stato basso, comunque il programma ha avuto un riscontro di 3.088.000 telespettatori che non sono pochi. Chissà se Maria escogiterà qualche stratagemma per renderlo più interessante od aspetterà che tutti i fidati spettatori tornino guardarlo

Come si struttura il nuovo format?

Per adesso troviamo Gemma Galgagni che potete vedere in foto in alto, che tramite una postazione adibita alla chat online viene corteggiata via internet. Nella pubblicità televisiva la De Filippi ha infatti spiegato i rischi ed i privilegi che si possono incontrare conoscendo una persona via internet. C’è il rischio che dall’altra parte l’interlocutore possa deludere magari i canoni estetici che ognuno di noi si pone, o magari raccontare cose false su di sé; potrebbe comunque essere che tutte le parole poi dedicate si rivelino poi effettive. Ad ogni modo Gemma ha già due corteggiatori “OcchiBlu” e “Pantera” che dai nickname si presentano già ben prestanti. Ovviamente tutto ciò ha scatenato la diffidenza di Tina che da sempre ormai attacca Gemma in tutti i modi.

L’altra protagonista è Giovanna Abate, protagonista del trono giovani che si è prestata pure lei in questa nuova ricerca, risultando ovviamente meno impacciata della “senior” Galgani. Infine troviamo gli immancabili Tina Cipollari e Gianni Sperti che seguono le vicende anche se da un monitor con segnale proveniente da altre stanze. Riuscirà questo nuovo metodo a risollevare le sorti del programma?

Fonte

Commenti (1)

  1. Il nuovissimo format di Uomini e Donne non funziona mai a causa di un bassissimo share, perché Canale 5 il quinto elemento della rete berlusconiana dell’ammiraglia Mediaset è diventato una furia, ha aiutato Maria De Filippi, Gemma Galgani, Giovanna Abate e Gianni Sperti a bullizzare, prendere maleducatamente in giro in maniera molto cattiva e utilizzare i linguaggi volgarmente scurrili molto pieni di bestemmie e parolacce presenti nei turpiloqui in dialetto mezzo romano e mezzo siciliano dal linguaggio laziale che usa il linguaggio nordamericano e dalla erre troppo moscia come parlano spesso gli abitanti dei tre fronti italiani e di tutte le altre parti del mondo europeo a causa di dialetti con tutti gli accenti troppo caserecci per offendere la povera ex opinionista ed ex tronista laziale Tina Cipollari che puzza di monnezza televisiva e viene spesso minacciata e denunciata dal suo litigioso ex consorte Chicco Nalli alias Kiko che, dopo aver chiamato il suo avvocato con le Forze dell’Ordine, non vede l’ora di sospenderla da tutti i social che la cancellano e poi bloccarla a causa di regolamenti inspiegabilmente infranti e norme molto cattive troppo stringenti. Temo che sarebbe meglio passare al meglio delle sitcom italiane come Finalmente soli e Sei forte, maestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>