Francesca e Nunziata, su Canale 5 torna il film di Lina Wertmüller

di Diego Odello 2

francesca-e-nunziata

Questa sera su Canale 5 alle 20.45 verrà riproposto Francesca e Nunziata, il film tv del 2001, diretto da Lina Wertmuller, prodotto da Mediatrade e tratto dall’omonimo romanzo di Maria Orsini Natale.

La fiction che annovera nel cast un poker d’attori da fare invidia a tutti, Sofia Loren, Giancarlo Giannini, Raoul Bova e Claudia Gerini (oltre a professionisti del calibro di Domenico Orsini, Luciano De Crescenzo, Carmen Femiano, Vanessa Sabet e Armando Pugliese), racconta una storia ambientata in Campania alla fine dell’Ottocento.

Francesca, figlia e nipote di pastai e proprietaria di un pastificio, sposa per amore il principe Giordano Montorsi. La donna, madre di nove figli, un giorno per paura di perdere la piccola Nanà fa un voto e giura di adottare un’orfana nel caso in cui la bambina si dovesse salvare. Così è: nella vita di Francesca entra Nunziatina, una bambina di otto anni, a cui si affeziona tantissimo, tanto da rivelarle in esclusiva tutti i segreti del mestiere.

Dopo qualche anno torna a casa Montorsi il primogenito Federico, che si innamora subito di Nunziata, ora adolescente. Per poter vivere il suo amore, Federico deve superare l’ostacolo della parentela acquisita e soprattutto quello di un matrimonio programmato con la figlia di un ricco armatore, che consentirebbe alla sua famiglia di salvarsi dalla rovina economica, dovuta ad alcune leggerezze del principe giordano.

Il film, costato otto miliardi di lire, girato in 9 settimane in location meravigliose tra cui Villa Soncini a Provezze di Provaglio e Villa Parisi a Frascati, è piaciuto alla scrittrice napoletana Maria Orsini Natale che all’epoca disse:

Il film è stupendo e non potevo essere più felice per la scelta degli attori. A parte la Loren e Giannini, Raoul Bova è davvero Federico e negli occhi della Gerini ho ritrovato lo stesso sguardo di Nunziata.

Se avete voglia di vivervi una storia d’amore d’altri tempi, curata nei minimi particolari (particolarmente apprezzabili abiti, oggettistica e arredi), non perdetevi la riproposizione di Francesca e Nunziata, questa sera su Canale 5.

Commenti (2)

  1. Ho visto con piacere che si parla della splendida regista Lina Wertmuller.
    Per chiunque si trovi a leggere, vorrei segnalare una pubblicazione sulla regista.

    “Il Sud di Lina Wertmuller” di Claudia Cascone (ed. Guida)

    Il libro analizza la carriera di una regista donna, che negli anni Sessanta e Settanta riesce col suo lavoro ad affermarsi come grande personalità artistica in tutto il mondo.
    Il saggio analizza nel profondo alcuni dei suoi film particolarmente impegnati ad inscenare il Mezzogiorno.
    Grande predilezione infatti, mostra la regista per temi che hanno come riferimento luoghi e storie del Sud, ed in generale per la cultura meridionale.

    Valentina