Fratelli Detective, conferenza stampa: foto e dichiarazioni

di Sara Bianchessi 1

Foto: AP/LaPresse

Questa mattina presso la Casa del Cinema  a Roma si è tenuta la conferenza stampa di presentazione di Fratelli Detective che andrà in onda da lunedi 16 maggio per sei settimane alle 21.10 su Canale 5. All’evento, preceduto dalla proiezione del primo episodio della serie, erano presenti: il produttore Daniel Diamant, il direttore fiction Mediaset Giancarlo Scheri, la regista Rossella Izzo e il cast rappresentato dal protagonista Enrico Brignano, dal piccolo Marco Todisco, da Serena Autieri, Fioretta Mari, Bebo Storti, e da Luca Angeletti.

Dopo il salto potete scoprire cosa hanno detto i presenti e visionare una ricca galleria di immagini.

Giancarlo Scheri:

Crediamo molto in questa serie, speriamo diventi la punta di diamante della fiction Mediaset tra l’altro stanno scrivendo altre sei puntate.

Enrico Brignano:

La soddisfazione più grande è vedere che va in onda perchè di questi tempi non è così scontato, fin troppi prodotti rimangono in soffitta. abbiamo lavorato con passione e sacrificio, il sacrificio soprattutto perchè la serie è stata realizzata in 18 settimane invece che in 22. E’ un prodotto veramente buono ed è bello averci preso parte.

La lunga serialità è sempre faticosa questa ancora di più perchè, come dicevo, realizzata in tempi stretti. Ringrazio tutti i miei compagni di lavoro, chi mi è stato vicino ed è stato paziente con me. Una menzione particolare va a Marco che è un bambino fantastico, i bambini non lavorano così nemmeno in Asia orientale.

Serena Autieri:

Ringrazio per avermi dato la possibilità di interpretare un personaggio come Valentina, briosa, appassionata di moto, grande chef che ritorna a fare la barista nel bar di un’amica interpretata da Fioretta Mari che è straordinaria e che sono stata felicissima di ritrovare. Mi sono spogliata con piacere del personaggio dell’attrice elegante.

Marco Todisco:

Io dopo quello che hanno detto loro che posso dire? Sono felice perchè ho incontrato dei maestri che mi hanno saputo guidare.

Rossella Izzo:

Stamattina entrando qui l’immagine di Mastroianni mi ha emozionato, queste più che fiction sono piccoli film. Ringrazio gli autori, i miei collaboratori e gli amici che sis sono prestati. Abbiamo sempre riso e anche questo è importante.

Fioretta Mari:

Sono orgogliosa di far parte di questo progetto, lavorare con Rossella Izzo è un grande privilegio. Non ci si aspetta un prodotto di così alta qualità , c’è ritmo e la bravura di tutti gli attori, il pubblico capirà di avere a che fare con un lavoro importante.

Luca Angeletti:

E’ stata un’esperienza faticosa ma appagante, io e Brignano a volte andavamo a braccio, troverete ritmo serrato e grande freschezza. Mi piace puntualizzare che essere bravi non sembre serve, bisogna essere bravi a questi ritmi.

Daniel Diamant:

Confermo e ribadisco che è un bel progetto nato quattro anni fa quando iniziammo a parlarne, Mediaset ci ha creduto e noi la ringraziamo per questo. E’ stata una bella sfida, abbiamo realizzato la puntata pilota e successivamente, visto il successo, la serie.

L’iter è stato travagliato e impervio, ma abbiamo trovato la gente giusta al posto giusto. La Izzo ha condotto con mano sicura, noi siamo una produzione alle prime armi in Italia ma Mediaset ci ha dato fiducia e spero che non sia rimasta delusa.

Bebo Storti:

Ho la fortuna di avere moglie e amante, quando mi ricapita? Mi sono divertito con Rossella perchè ride sempre. Fare lo stronzo è sempre bello, bisogna rivalutare la figura del cattivo.

A chi chiede quando farà un programma di intrattenimento in prima serata Brignano risponde:

se non lo fa nemmeno Fiorello un motivo ci sarà, i tempi non sono quelli giusti. In questo momento è più facile portare il teatro in prima serata.

A proposito delle differenze tra il suo poliziotto e quelli di altre fiction Brignano sottolinea:

Il mio personaggio ha una maggiore umanità, è un antieroe con dei rapporti interpersonali intensi che farà anche commuovere, meno sparatorie e più sentimento insomma.

A chi gli chiede che succede in questi ultimi tempi alle fiction tra flop e problemi di palinsesto Scheri risponde:

in verità questo è un anno particolarmente felice per la fiction Mediaset, gli ascolti ci hanno premiato.Riduciamo i costi per poter continuare a offrire prodotti di qualità fatti da bravi professionisti.

Rispondi